san_leopoldo
mercoledì 17 febbraio 2016:
Miracolo di San Leopoldo a Loreto
A Loreto si grida già al miracolo di San Leopoldo. A dare l’annuncio stamattina lo stesso Arcivescovo delegato pontificio di Loreto e della basilica di Sant’Antonio da ... leggi tutto
 
Testimonianze ed interviste

Antonello, guarito dal tumore grazie alla fede nella Madonna

19
OTT
2011

Ho conosciuto

Antonello De Giorgio

a Jesolo, durante un incontro di preghiera. Direttore di banca e allenatore di basket, tre anni fa, gli hanno diagnosticato il linfoma di hodgkin.

Da un paio d’anni gira l’Italia per testimoniare con il suo libro "Non sono ancora una foto sopra una lapide! " che si può guarire. «Una storia autobiografica dal titolo provocatorio, ma è quello che pensavo quando incrociavo gli occhi degli altri mentre ero malato», spiega De Giorgio. Una storia la sua che è persino finita sul magazine "Chi": «A dire la verità ero perplesso perché, parlando di fede, mi chiedevo se avesse senso apparire su un giornale di gossip. Poi, l’ho fatto perché io per scelta vado a testimoniare il mio libro ovunque mi chiamino. In questo sistema itinerante ho la possibilità di parlare sia con chi crede sia con chi non lo fa». I proventi del libro saranno destinati all’attività di un amico frate in Eritrea impegnato nella costruzione di pozzi d’acqua per le popolazioni indigenti di quel Paese.

Capitoli importanti della vita di De Giorgio sono legati proprio a quella Madonna di Medjugorje cui molti si rivolgono in preghiera da quel 24 giugno 1981 molti credenti e soprattutto malati. «Ci sono stato dal 87 al 91. Dopo è scoppiata la guerra e non ci sono più andato per 19 anni. È un luogo in cui non si arriva per caso, ma perché si è chiamati e, in fondo, lo siamo tutti solo che il rumore del mondo non permette di sentirlo». Prosegue: «"Ogni giorno, anche prima della malattia, chiedevo la grazia di poterci tornare, era come una preghiera quotidiana. Ho calcolato quasi 7mila suppliche, poi, finalmente ci sono tornato dopo la malattia». Una malattia che non ha fermato la vita di Antonello: «Giocavo anche mentre facevo la chemio. Era un segnale importante, soprattutto per le mie figlie che dovevano vedermi vivo». Una passione, quella per il basket che ha sempre avuta sia da giocatone, nelle fila della Mina di Induno Olona, sia da allenatore. Forse un azzardo giocare in quelle condizioni, ma in realtà una circostanza che richiama la teoria delle tre F, riportata sul libro: fede, famiglia e follia.

«Non mi sentirete mai parlare di miracoli, però. Ho risposto bene alle cure. Un miracolo non è essenzialmente un prodigio, ma si verifica in ogni istante della mia vita. Se uno ha una fede profonda quando arriva la croce ha il coraggio di portarla e di guardarla negli occhi, se uno crede non ha poi questa grande paura. Sono sicuro che siano serviti anche i gruppi di preghiera di amici formati da mia moglie. Sicuramente il Signore non è stato a guardare. Forse è stato anche un premio per mia mamma, che tutti conoscevano a Varese come l’infermiera Mariuccia. Fece un voto quando a mia sorella cardiopatica, appena nata, avevano dato tre anni di vita. In cambio della salute dei figli si è offerta di seguire con la massima dedizione gli ammalati. Lei li ha seguiti senza sosta per cinquant’anni fino al 2000».

La testimonianza di Antonello a Varese:


condividi:         © www.guardacon.me - riproduzione riservata



6 commenti presenti:
# 1 del 19/10/2011 19:34:42 di michelina
0
0
grazie per questa bella testimonianza,speriamo che tutti la leggono,le persone malate e noi altri,per poter rinforzare il nostro credo e abbandonarci totalmente per qualsiasi problema.lode e gloria a te DIO, FIGLIO, SPIRITO SANTO.
# 2 del 16/12/2011 10:27:01 di Carlo
0
0
Ma scusate questo signore è stato si miracolato ma dalla scienza medica!!!
# 3 del 16/12/2011 11:10:34 di Daniel
0
0
@Carlo - Se si ha fede, si considera la propria vita un dono di Dio, e qualsiasi cosa succede è volontà Sua. Quando delle cure mediche vanno a buon fine, per un credente, è sempre grazie al Signore o alla Madonna. La tua affermazione, fa parte del tipico ordine di idee con cui si vorrebbe contrapporre la scienza alla fede, quando invece bisognerebbe rivolgersi alla scienza con fede.
# 4 del 22/05/2012 14:46:20 di Rosy
0
0
la vita è un dono di Dio ,da soli seppur con la scienza, non possiamo aggiungere un giorno alla nostra vita .si puo’guarire anche con le preghiere e ottenere la grazia ,nn si deveavere per forza avere la guarigione istantanea del miracolo
# 5 del 26/01/2013 21:29:04 di Domenico
0
0
Il mio amico Antonello credo che abbia semplicemente con fede tenuto in debita considerazione Dio,il medico, l’affetto della sua famiglia e di tutte le persone care e di quant’altro.E come sempre è la Parola di Dio che ci viene fondamentalmente in aiuto. Nel libro del Siracide, cap.38 leggiamo: Onora il medico come si deve secondo il bisogno, anch’egli è stato creato dal Signore. Dall’Altissimo viene la guarigione, anche dal re egli riceve doni.La scienza del medico lo fa procedere a testa alta, egli è ammirato tra i grandi. Il Signore ha creato medicamenti dalla terra, l’uomo assennato non li disprezza.L’acqua non fu forse resa dolce per mezzo di un legno, per rendere evidente la potenza di lui? Dio ha dato agli uomini la scienza perché potessero gloriarsi delle sue meraviglie.Con esse il medico cura ed elimina il dolore e il farmacista prepara miscele. Non verranno meno le sue opere! Da lui proviene il benessere della terra: Figlio, non avvilirti nella malattia, ma prega il Signore ed egli ti guarirà. Purificati, lavati le mani; monda il cuore da ogni peccato. Offri incenso e un memoriale di fior di farina e sacrifici pingui secondo le tue possibilità. Fa’ poi passare il medico-il Signore ha creato anche lui-non stia lontano da te, poiché ne hai bisogno. Ci sono casi in cui il successo è nelle loro mani.Anch’essi pregano il Signore perché il guidi felicemente ad alleviare la malattia e a risanarla, perché il malato ritorni alla vita. Chi pecca contro il proprio creatore cada nelle mani del medico. Grazie a Dio per la salute del corpo e dell’anima e soprattutto per il dono della fede in Gesù salvatore e per la confidenza materna della sua e nostra cara Madre, Regina della Pace. Domenico, fraternamente nel Signore.
# 6 del 27/01/2013 18:03:03 di antonio
0
0
Ho compreso che quanto ci accade, malattie comprese, non accade per caso. E il modo con cui lo affrontiamo produce effetti. Se il nostro "modo" è Dio gli effetti sono "miracolosi". La guarigione fisica? Perché no? Anche quella perché tutto a Dio è possibile. La guarigione dello spirito? Se con forza chiedi, con forza ricevi. Ma il vero miracolo è che se con forza chiedi, con forza ricevi allora con forza darai. Ho tanto ricevuto dagli altri e mi accorgo che tanti sono in attesa di ricevere. Chiedo solo di avere la grazia di dare. Antonio




Consulta le caratteristiche del Service Video: registrazione e diretta streaming per tutti gli eventi!
Service video



GCM Tv La WebTV di GuardaConMe
dirette streaming e video on-demand
Festa degli Amici Verona
iscriviti alla Newsletter
Iscrivendoti, riceverai gratis le news del sito, i messaggi di Medjugorje, comunicazioni...
Ho letto l’informativa e do il consenso:
Foto straordinarie o particolari: la guida tecnica
ultimo aggiornamento 28/07/2016
notizia flash
17/02/2016:
A Loreto si grida già al miracolo di San Leopoldo. A dare l’annuncio stamattina lo stesso Arcivescovo delegato pontificio di Loreto e della basilic

lo shop di GuardaConMe!

I video degli incontri di preghiera su DVD

Padre Felice Monchieri saluta e benedice gli amici di Guarda Con Me
Partecipa al sondaggio:
Nel mondo si vivrebbe meglio con più..
benessere
amore
preghiere
solidarietà
armonia
conversioni
  
Medj. La presenza di Maria
Il numero di ottobre 2017 de La presenza di Maria
libri cattolici:
tag cloud: news & foto
si parla di...
Dio

di questi luoghi...

e in generale...
vedi tutti i tag
ultimo commento blog
Dichiarate false le apparizioni di Mario D'Ignazio a Brindisi di Salvatore
Beh!. Quello che penso io.Ci sono in giro falsi ciarlatani, che usano, speculare sulla chiesa. Sopratutto: ...
una foto a caso
ultima richiesta
Anna: per Loredana malata di cancro solo u miracolo può salvarla..a Te Gesù ...
Attenzione: consulta le
Informazioni e Copyright
riguardanti foto e testi

Cookie Policy

© 2008-2018 Guarda Con Me
tutti i diritti riservati