san_leopoldo
mercoledì 17 febbraio 2016:
Miracolo di San Leopoldo a Loreto
A Loreto si grida già al miracolo di San Leopoldo. A dare l’annuncio stamattina lo stesso Arcivescovo delegato pontificio di Loreto e della basilica di Sant’Antonio da ... leggi tutto
 
il blog di Guarda Con Me

La croce di Benedetto XVI

14
FEB
2013
archiviato in attualità

«Non lasciatemi solo, pregate per me, perché io non fugga per paura dinanzi ai lupi.»

Queste sono le parole del Santo Padre durante la sua prima Messa da pontefice. Abbiamo ascoltato il suo invito? Forse si, forse non a sufficienza, forse eravamo troppo impegnati a pregare per noi stessi, per i nostri cari che soffrono o per quelli che non sono più su questa terra.

Forse davamo per scontato che la

Chiesa

e il successore di Pietro potessero cavarsela da soli, che fossero problematiche al di sopra delle nostre capacità e comprensione. Abbiamo ammirato

Giovanni Paolo II

nella sua "grandezza". Eravamo abituati all’amore che sapeva trasmettere. Gli siamo stati vicino quando, negli ultimi anni di pontificato, distrutto dalla malattia, decise di rimanere fedele al suo incarico.

Benedetto XVI

sembrava forte, pieno di energie, una roccia nel suo magistero... sembrava.

Ci siamo accorti che sbagliavamo, tardi ma ce ne siamo accorti. Ci siamo svegliati da quel torpore che ormai da tempo non ci faceva vedere le cose come stavano realmente. E ci ha pensato il Santo Padre a svegliarci. L’annuncio delle sue dimissioni è stato si un "fulmine a ciel sereno", ma di quelli che svegliano le coscienze, che scuotono gli animi.

Già nell’assemblea in Aula Paolo VI di ieri, le persone hanno ricambiato con affetto, con un risveglio delle coscienze sottolineato dal Papa:  «Come sapete, ho deciso …. grazie per la vostra simpatia, ho deciso di rinunciare al ministero che il Signore mi ha affidato il 19 aprile 2005. Ho fatto questo in piena libertà per il bene della

Chiesa

, dopo aver pregato a lungo ed aver esaminato davanti a

Dio

la mia coscienza, ben consapevole della gravità di tale atto, ma altrettanto consapevole di non essere più in grado di svolgere il ministero petrino con quella forza che esso richiede. Mi sostiene e mi illumina la certezza che la

Chiesa

è di Cristo, il Quale non le farà mai mancare la sua guida e la sua cura. Ringrazio tutti per l’amore e per la preghiera con cui mi avete accompagnato. Grazie, ho sentito quasi fisicamente in questi giorni per me non facili, la forza della preghiera che l’amore della

Chiesa

, la preghiera vostra, mi porta. Continuate a pregare per me, per la

Chiesa

, per il futuro Papa. il Signore ci guiderà».

Le chiese si sono riempite. Ho sentito amici da diversi luoghi e mi hanno riferito, che a partire dalla celebrazione in San Pietro, la Messa delle Ceneri è stata seguitissima. Qui da me, al Santuario di Fatima dei frati cappuccini di Portogruaro, sia alla funzione delle 18.30 e sia a quella delle 21, l’assemblea era numerosissima, con presenza anche di molti giovani.

E’ iniziata la quaresima, il periodo di purificazione. Ed in molti hanno aderito. In molti hanno risposto alla chiamata. Mirjana da Trieste, ci ha ricordato per l’ennesima volta che bisogna pregare per i nostri sacerdoti. Sono loro il "ponte" che ci condurrà alla salvezza. Sono loro tra i primi a sostenere la croce.

«Il fatto di trovarmi all’improvviso di fronte a questo compito immenso è stato per me un vero choc. La responsabilità, infatti, è enorme. Veramente avevo sperato di trovare pace e tranquillità. Il pensiero della ghigliottina mi è venuto: ecco, ora cade e ti colpisce. Ero sicurissimo che questo incarico non sarebbe stato destinato a me ma che

Dio

, dopo tanti anni faticosi, mi avrebbe concesso un po’ di pace e di tranquillità. Sapevo che di lì a poco, dalla Loggia centrale, avrei dovuto pronunciare qualche parola, e ho iniziato a pensare: cosa potrei dire? Per il resto, fin dal momento in cui la scelta è caduta su di me, sono stato capace soltanto di dire questo: Signore, cosa mi stai facendo? Ora la responsabilità è tua. Tu mi devi condurre! Io non ne sono capace. Se tu mi hai voluto, ora devi anche aiutarmi!. In quel momento ho capito che accanto ai grandi Papi devono esserci anche Pontefici piccoli che danno il proprio contributo.
(

Benedetto XVI

, da "Luce del Mondo ", 2010)

E il contributo c’è stato. Vedete? I lupi ci sono, eccoli qui. Io mi faccio da parte, ma insieme preghiamo, perchè la

Chiesa

è del Signore e noi tutti siamo la

Chiesa

.

Antonio Socci

, nel suo articolo "Attenti a chi fomenta le divisioni , così parla di alcuni ecclesiastici: «...e si capisce perché si è dimesso per aprire la strada a un papa forte, energico, che metta in riga tanti bei soggettini del genere. Che sono braccia rubate all’agricoltura e andrebbero mandati a faticare raccogliendo pomodori. Anche perché non si vede come si possa definire “vulnus, ferita istituzionale e giuridica”, una possibilità come le dimissioni perfettamente prevista dal Codice di diritto canonico.
Si ha piuttosto l’impressione che i monsignori anonimi che attaccano il Papa siano quelli che temono di perdere peso. E che la buttano in caciara per salvare qualche cadrega.»

Benedetto XVI

non è forte: è umile. Ha ristabilito le cose come devono essere: si è fatto da parte per ri-consegnare la

Chiesa

nelle mani di

Dio

. Per l’amore della

Chiesa

e di

Dio

, ha messo in secondo piano se stesso, elevando la carica del ministero papale. Ora ci penserà

Dio

.

Papa Ratzinger, non è sceso dalla croce. La sua croce è diventata ancor più pesante: ha attirato su di sé critiche, giudizi, ogni male del mondo. Ha evidenziato le debolezze umane, facendosene carico. Ha offerto il fianco ai lupi, ormai più forti di lui. Non è fuggito, non ha avuto paura. Ha indicato la via. Una via che porta a

Dio

.

Lo scrosciante applauso al Papa in Vaticano e la benedizione (video di Marco Piagentini):


condividi:         © www.guardacon.me - riproduzione riservata

proposte editoriali riguardanti: Benedetto XVI
La Gioia della Fede
La Gioia della Fede

Benedetto XVI
proposte editoriali riguardanti: Giovanni Paolo II
Il Papa che ha cambiato la storia
Il Papa che ha cambiato la storia

Alazraki Valentina, Giansanti Gianni
Storia di Karol
Storia di Karol

Svidercoschi G. Franco


1 commenti presenti:
# 1 del 15/02/2013 10:23:07 di Antonio
0
0
Bravo Daniel! Davvero bell’articolo! Vedrai che la Chiesa di Dio uscirà ancora più forte da questa situazione,ne uscirà con un papa carismatico, che la risolleverà e la riporterà a fare breccia nei cuori delle persone!




Consulta le caratteristiche del Service Video: registrazione e diretta streaming per tutti gli eventi!
Service video



GCM Tv La WebTV di GuardaConMe
dirette streaming e video on-demand
Festa degli Amici Verona
iscriviti alla Newsletter
Iscrivendoti, riceverai gratis le news del sito, i messaggi di Medjugorje, comunicazioni...
Ho letto l’informativa e do il consenso:
Foto straordinarie o particolari: la guida tecnica
ultimo aggiornamento 28/07/2016
notizia flash
17/02/2016:
A Loreto si grida già al miracolo di San Leopoldo. A dare l’annuncio stamattina lo stesso Arcivescovo delegato pontificio di Loreto e della basilic

lo shop di GuardaConMe!

I video degli incontri di preghiera su DVD

Padre Felice Monchieri saluta e benedice gli amici di Guarda Con Me
Partecipa al sondaggio:
Nel mondo si vivrebbe meglio con più..
benessere
amore
preghiere
solidarietà
armonia
conversioni
  
Medj. La presenza di Maria
Il numero di marzo 2017 de La presenza di Maria
libri cattolici:
tag cloud: news & foto
si parla di...
Dio

di questi luoghi...

e in generale...
vedi tutti i tag
ultimo commento blog
Medjugorje: Vicka, Brosio e le “chiamate” di carmen polloni
cara vicka sono venuta da poco con mio marito e mia figlia a medjugorie. MIA FIGLIA IN CRISI CON LA
una foto a caso
ultima richiesta
Patrizia: Madonna mia intermedi per la guarigione fisica di mio padre.ti su
Attenzione: consulta le
Informazioni e Copyright
riguardanti foto e testi

Cookie Policy

© 2008-2017 Guarda Con Me
tutti i diritti riservati