san_leopoldo
mercoledì 17 febbraio 2016:
Miracolo di San Leopoldo a Loreto
A Loreto si grida già al miracolo di San Leopoldo. A dare l’annuncio stamattina lo stesso Arcivescovo delegato pontificio di Loreto e della basilica di Sant’Antonio da ... leggi tutto
 
il blog di Guarda Con Me

Fermiamo ora lo sterminio dei palestinesi da parte dei coloni ebrei occupanti

10
SET
2008
archiviato in attualità

I

coloni

-

ebrei

-di-stampo-nazista hanno ultimamente aumentato i propri indiscriminati attacchi contro i civili

palestinesi

e le loro proprietà in tutta la Sponda Ovest. In alcune zone, quali l’area di hebron, gli attacchi dei

coloni

hanno assunto proporzioni da sterminio. Quello che è particolarmente offensivo è che la maggior parte di tali attacchi sono portati in bella vista davanti ai soldati israeliani che restano lì immobili ad osservare dei

coloni

con armi pesanti che brutalizzano civili

palestinesi

indifesi.

Gli ultimi atti barbari includono: un assalto ad una festa di matrimonio palestinese; il tentativo di linciaggio di un ragazzo arabo vicino ad Hebron; l’attacco ad un’automobile civile vicino a Nablus con conseguente grave emorragia cerebrale ai danni di una bambina di sei anni che ora lotta tra la vita e la morte, bastonate e sassate ai danni di bambini arabi vicino a Tuwwani, nel sud della Sponda Ovest, il dare fuoco a campi e boschetti in svariate parti dei territori occupati.

Un gruppo facente parte del Christian Peace-making Team (CPT) è stato assaltato e pesantemente colpito da

coloni

ebrei

sulle colline a sud di Hebron, la settimana scorsa.

"Stavamo guidando da casa nostra a Ramallah al matrimonio di un cugino a Jenin, con le nostre tre figlie sedute dietro. Siamo dovuti tornare indietro per problemi al motore, e come siamo passati dal bivio con i territori di Yitzhar, abbiamo visto quattro persone sulla strada. Mia moglie ha detto: "Attento !" Ma era troppo tardi: avevano già lanciato un lastrone verso il parabrezza, racconta Hazem Ma’ali, padre dei bambini colpiti.

"Quello (il colono) lo aveva scagliato dritto contro di noi. Mia moglie cacciò un urlo ed incominciò a sanguinare. Io mi sono fermato, poi ho deciso di proseguire verso il posto di blocco di Hiwwara, fuori da Nablus. Come ho aperto le portiere, mia figlia è caduta fuori, ferita. Schegge erano finite fin contro il vetro posteriore ", aggiunge.

Poche settimane fa, una banda di

coloni

delinquenti ha attaccato e ferito gravemente numerosi contadini e pastori

palestinesi

nella regione di Yatta. In un caso, i

coloni

hanno colpito ripetutamente un uomo palestinese, quindi lo hanno legato ad un palo della rete elettrica, all’esterno del loro avamposto. Non si tratta nè di incidenti isolati, nè di "poche mele marce", come cerca di sostenere il portavoce israeliano.

Sono atti terroristici deliberati e ben programmati, condotti da

coloni

che seguono indicazioni più generali che ricevono dai loro rabbini e dai leader delle loro comunità. I

coloni

, che affermano di essere

ebrei

religiosi, quando uccidono o linciano un bambino od un pastore arabi o quando bruciano o distruggono delle proprietà di arabi, ritengono di compiere un "mitzvah", cioè una buona azione religiosa .

Non c’è alcun dubbio che l’indistinta massa di queste attività criminali sia approvata ed incoraggiata dai cosiddetti "saggi talmudici "che inculcano in questi criminali quell’ideologia di odio che è il sionismo religioso, in base al quale debbono essere usati tutti i mezzi, inclusi il genocidio, per ottenere lo scopo finale: la pulizia etnica, la bonifica della " Terra di Israele " da tutti i goyim.

Non è una questione di speculazioni o di ipotesi future. I più eminenti rabbini originari di Merkaz Harav (che equivale al Sistema Nervoso Centrale del sionismo religioso in Israele), hanno ripetutamente emanato editti, o regole religiose, che permettono ai

coloni

di uccidere

palestinesi

innocenti e di rubarne o distruggerne le proprietà. La stampa israeliana ha pubblicato numerosi resoconti di eminenti leader religiosi che invitano gli

ebrei

ad un "approccio senza freni" verso i

palestinesi

. (E’ esattamente lo stesso approccio che i nazisti adottarono verso gli

ebrei

, durante la Seconda Guerra Mondiale).

Ad ogni modo, in questa storia di terrore e morte, le uniche canaglie sono i religiosi sionisti. Non c’è dubbio alcuno. Lo Stato e l’esercito di Israele sono spesso conniventi e cospirano con i

coloni

contro i civili

palestinesi

, che sono praticamente del tutto indifesi soprattutto nella cosiddetta area-C, quella dove l’esercito dovrebbe fornire protezione a tutti gli abitanti, inclusi gli abitanti

palestinesi

.

Sfortunatamente, proprio l’esercito di occupazione israeliano è diventato principalmente l’esercito dei

coloni

, per i

coloni

, e grazie ai

coloni

. Ci sono due principali manifestazioni derivanti da tale collusione: la prima, l’esercito stesso invia

coloni

-soldati per pattugliare le zone limitrofe ai paesini e villaggi arabi. Questi "soldati", che agiscono come informatori e spie dei

coloni

, regolarmente informano le bande criminali di

coloni

sui movimenti dei pattugliamenti dell’esercito così che quando l’esercito si sposta da una certa zona, i

coloni

attaccano le comunità arabe limitrofe e poi schizzano indietro nei loro rispettivi insediamenti senza essere notati dai soldati.

Quando le vittime

palestinesi

inviano un reclamo alle autorità israeliane, viene loro chiesto di fornire le impossibili prove relative agli aggressori tipo : i loro nomi, una loro descrizione od anche le loro fotografie. La seconda conseguenza, i

coloni

-soldati arruolati nell’esercito di occupazione indulgono essi stessi per primi in atti omicidali contro

palestinesi

innocenti, atti quali sparare ed uccidere dimostranti

palestinesi

innocenti, spesso violando specifiche istruzioni militari.

Pochi giorni fa, un colono-soldato israeliano ha sparato ed ha ucciso un bambino palestinese di dieci anni che si trovava in un gruppo di bambini che guardavano i bulldozer israeliani distruggere i frutteti

palestinesi

vicini a Ni’ilin, nella Sponda Ovest. Mousa Ahmed Mousa è stato ucciso a sangue freddo da un soldato che gli ha sparato in testa da breve distanza. Sfortunatamente per lui, l’assassino è stato interrogato per cinque minuti e poi mandato agli arresti domiciliari. Alla luce delle esperienze passate, però, è poco probabile che sia punito per il crimine che ha commesso.
Oggi, i

coloni

, che hanno letteralmente l’atteggiamento mentale della Gestapo, sentono di avere la briglia sciolta per poter terrorizzare, tormentare ed uccidere i

palestinesi

e vandalizzarne le proprietà in modo virtualmente impunito. I

coloni

sanno anche che ci sono potenti politici, ministri, ed anche comandanti dell’esercito che li faranno liberare nel caso vengano arrestati od imprigionati per i loro crimini.

Ciò spiega perchè sia l’esercito che la polizia israeliane si trattengano dal dar seguito alle ingiunzioni dei tribunali emesse nei confronti dei

coloni

, ingiunzioni tipo quelle che li obbligherebbero ad abbandonare una proprietà di arabi presa con la forza.

Il regno del terrore dei

coloni

, insieme all’apparente connivenza del governo israeliano con questi criminali, costituisce una sfida per le persone preoccupate dell’aumentare di questo trattamento diabolico perpetrato dallo stato di Israele ai danni dei

palestinesi

.

Credo che per impedire livelli inimmaginabili nel terrorismo dei

coloni

, migliaia di osservatori internazionali,

ebrei

di coscienza inclusi, dovrebbero stazione in permanenza tutt’attorno alla Sponda Ovest, in modo da dimostrare a queste canaglie ed ai loro protettori occulti, che i

palestinesi

non sono soli. La presenza di osservatori internazionali potrà forse non riuscire a fermare tutti i crimini dei

coloni

; ma potrà avere successo nel frenare e scoraggiare dal perpetrare alcuni dei più odiosi crimini contro innocenti

palestinesi

.

Le forze di pace da tutto il mondo dovrebbero fornire i

palestinesi

, soprattutto quelli delle aree più remote, di telecamere ad alta risoluzione, in modo che possano filmare e documentare gli attacchi e le barbarie dei

coloni

. Questa procedura è risultata molto efficace nel rendere manifesto il comportamento criminale tenuto da

coloni

e soldati israeliani contro innocenti

palestinesi

, nelle ultime settimane.

Sappiamo bene tutti che, se non fosse stato per le riprese girate da una giovane che mostrano un soldato israeliano che vicino a Ni’ilin spara ad un palestinese ammanettato e bendato, probabilmente nemmeno avremmo sentito accennare all’episodio. In conclusione, non dobbiamo lasciare nulla di intentato finchè non saremo riusciti ad isolare queste canaglie che pensano di eseguire gli ordini di Dio uccidendo e terrorizzando vittime innocenti.

Non dobbiamo permettere loro di vincere. Perchè se vincono, sarà l’intera umanità che avrà perso.

di Khalid Amayreh - 09 agosto 2008 - tratto da effedieffe.com

condividi:         © www.guardacon.me - riproduzione riservata



4 commenti presenti:
# 1 del 26/01/2013 19:48:10 di Adriano
0
0
Certo che se postate questi articoli pieni di falsità, pregiudizi e soprattutto odio ( in un sito che si ispira a Maria !!!!), evidentemente ho sbagliato ad entrare in questo sito.O nel sito c’è qualcosa che non va! Saluti.
# 2 del 26/01/2013 22:51:28 di Daniel
0
0
Che ci sia forse in te, qualcosa che non va? Sei uno di quelli che vorrebbe fare una nuova crociata?
# 3 del 27/01/2013 08:28:02 di Adriano
0
0
Ripeto se la vuoi capire, come si fa in un sito cattolico postare degli articoli così pieni di odio nei confronti degli ebrei ??

Sei uno di quelli che vorrebbe una nuova inquisizione con tanto di roghi ( i tedeschi si sono dimostrati più efficienti e industriali, potresti trarne un esempio) per gli ebrei ?
# 4 del 27/01/2013 12:02:43 di Daniel
0
0
Non mi farò certo insegnare dal primo che capita come si fa un sito cattolico: certe affermazioni tienile per te.
Quello riportato è un articolo di Effedieffe.com con delle verità, constatate di persona. Sono gli ebrei che odiano gli arabi, mentre tu vieni qui a far polemiche ed ad aizzare: stai mettendo a dura prova l’ospitalità che ti viene offerta




Consulta le caratteristiche del Service Video: registrazione e diretta streaming per tutti gli eventi!
Service video



GCM Tv La WebTV di GuardaConMe
dirette streaming e video on-demand
Festa degli Amici Verona
subscribe to Newsletter
By subscribing, you will receive free news site, the messages of Medjugorje, communications...
I have read the information and consent:
Foto straordinarie o particolari: la guida tecnica
ultimo aggiornamento 28/07/2016
notizia flash
17/02/2016:
A Loreto si grida già al miracolo di San Leopoldo. A dare l’annuncio stamattina lo stesso Arcivescovo delegato pontificio di Loreto e della basilic

lo shop di GuardaConMe!

I video degli incontri di preghiera su DVD

Padre Felice Monchieri saluta e benedice gli amici di Guarda Con Me
Partecipa al sondaggio:
Nel mondo si vivrebbe meglio con più..
benessere
amore
preghiere
solidarietà
armonia
conversioni
  
Medj. La presenza di Maria
Il numero di ottobre 2017 de La presenza di Maria
libri cattolici:
tag cloud: news & foto
si parla di...
Dio

di questi luoghi...

e in generale...
vedi tutti i tag
ultimo commento blog
La bella storia di Elena Artioli di raffaello
La Madonna di Medjugorje dice: "Se sapessi quanto ti amo, piangeresti di gioia". Io non piango di gioia, ...
una foto a caso
ultima richiesta
Anna: per Loredana malata di cancro solo u miracolo può salvarla..a Te Gesù ...
Attenzione: consulta le
Informazioni e Copyright
riguardanti foto e testi

Cookie Policy

© 2008-2019 Guarda Con Me
tutti i diritti riservati